L’idea dei Guardiani – 3

guardiani

Qui e qui vi ho già raccontato da dove mi è venuta l’idea dei Guardiani. E come detto, è innegabile che fumetti, libri e telefilm mi abbiano ispirato o comunque spinto a scrivere una storia come quelle a cui mi appassionavo. A un certo punto, all’inizio del nuovo millennio, mi decisi a scrivere la storia dei Guardiani e a farne un romanzo. Non sapevo disegnare e sinceramente non sapevo neanche scrivere (se state leggendo “In blue” su questo stesso blog ve ne sarete accorti! Entrambi i romanzi cominciai a scriverli in quel periodo) ma i Guardiani mi si smuovevano dentro. Partivano dal cuore, arrivavano alla testa e martellavano per uscire. Avevo un’esigenza: dovevo scrivere. In più, qualcosa era nettamente cambiato rispetto a quando disegnavo per i miei amici del quartiere: avevo cominciato a lavorare nel mondo dell’editoria e la costante frequentazione con gente del mestiere mi fece capire che no, non ero portato per il disegno. Ma scrivevo articoli a tutto spiano per le riviste di manga e avevo iniziato a fare l’editor, cioè facevo i dialoghi italiani dei manga, quindi cominciavo a padroneggiare un po’ la scrittura, anche se non ero per niente bravo o particolare. Comunque, volevo raccontare.

E mi piaceva raccontare sia quello che mi succedeva (In blue) che quella storia che da tanto tempo continuavo a portarmi appresso. In blue era scritto di getto, a seconda dell’umore o dei miei fidanzati, i Guardiani erano invece una storia di cui sapevo sia l’inizio che la fine e nella quale volevo far confluire tutte le mie idee sull’amicizia, l’amore e su come il mondo potrebbe essere salvato grazie all’unione delle persone. Avevo un obiettivo preciso nella storia e sapevo già quanti Guardiani sarebbero comparsi, perché, quali nemici avrebbero affrontato, come si sarebbero mossi e quali storie d’amore avrei raccontato. Non li avevo ancora chiamati Guardiani della Luce, si chiamavano Energy Keepers. E avevo previsto uno svolgimento in 3 romanzi. Il titolo però non era ancora sicuro. Ne tirai fuori svariati: Energy keepers, Energy soldiers, Ancient saga (vabbè), Energy Guardian. Ci sono bozze con mille titoli. L’unica cosa sicura a livello di pianificazione editoriale, era che si sarebbe svolto in 3 romanzi. Finché io e Andrea Madalena non cominciammo a collaborare… Ma questo ve lo racconterò nella prossima parte in cui vi parlerò di Andrea e di come il progetto cambiò…